Il progetto Nassa nasce nel 2019 a Sestri Levante, per poi espandersi anche a Chiavari l’anno successivo.

Nassa Rapallo, nata a febbraio del 2021, è l’ultima delle tre associazioni giovanili ad oggi attive nel Tigullio. Essa costituisce un centro di vita associativa, apartitico, aconfessionale, a carattere volontario e democratico. Ha durata illimitata e non persegue finalità di lucro.

Lo scopo principale dell’Associazione è quello di raccogliere le esigenze dei giovani per costruire progetti e soluzioni che consentano di vivere attivamente il proprio territorio reinventando spazi e luoghi.

La Nassa nasce dall’esigenza di trovare e costruire uno spazio in cui proporre, inventare, immaginare, creare e essere ascoltati. A partire da questa idea originaria la nostra esperienza ci ha portato a capire che:

  1. Creare occasioni di incontro e ascolto è il punto di partenza per approfondire il legame tra i giovani e il loro territorio;
  2. Il confronto tra le voci dei giovani è una forma di partecipazione attiva alla vita sociale, politica e culturale della città - intendiamo la parola Politica nel suo significato etimologico - dal greco politikos, a sua volta derivato da polis, città – come l’insieme di tutto ciò che appartiene allo spazio della vita comune, cioè alla vita della città e dei suoi cittadini;
  3. L’incontro e l’ascolto reciproco rappresentano la base per raccogliere le idee e produrre un cambiamento significativo nella comunità;
  4. Il dialogo tra giovani e amministrazioni del territorio costituisce uno strumento per la promozione di un cambiamento e per l’apertura verso nuove modalità di vivere la propria città.

I nostri incontri sono rivolti principalmente a:

  1. Sviluppare, anche attraverso azioni di sensibilizzazione e progetti educativi in collaborazione con altre organizzazioni, enti e istituzioni scolastiche, il senso di identità e di appartenenza alle comunità locali;
  2. Creare spazi di apertura all’incontro con l’Altro;
  3. Valorizzare il patrimonio storico, artistico, naturalistico e architettonico proponendo modalità differenti per viverlo e conoscerlo;
  4. Far conoscere le potenzialità e le attività lavorative esistenti sul territorio anche attraverso collaborazioni con enti e operatori locali;
  5. Promuovere principi di democrazia, solidarietà e cittadinanza attiva al fine di elevare la coscienza e la crescita personale della collettività all’incontro con l’Altro.

Sono attività prioritarie dell’Associazione:

  1. Realizzazione di eventi che - attraverso l’utilizzo di tecniche partecipative diverse (Open Space Technology, Débat Public, Electronic Town Meeting, World Cafè, European Awareness, Scenario Workshop, Camminata Narrativa, tra le altre) e di tecniche di visualizzazione immediata del progetto (Planning for Real, Pattern Language, Mappe di uso sociale del territorio) - favoriscano l’incontro e la conoscenza tra individui di una comunità allo scopo di migliorarla;
  2. Attività di formazione e informazioni in merito alla costruzione di associazioni, gruppi con le medesime finalità della suddetta Associazione;
  3. Incontri di formazione rivolti a trasmettere e consolidare tecniche partecipative e momenti di partecipazione comunitaria;
  4. Eventi volti a valorizzare i luoghi esistenti sul territorio, comunali e/o privati;
  5. Attività di promozione e supporto della comunicazione di eventi rivolti ai giovani;
  6. Collaborazione attiva per la promozione di luoghi della città (parchi, biblioteche, centri di aggregazione giovanile, musei cittadini);
  7. Collaborazione e confronto con l’amministrazione del territorio al fine di presentare le esigenze raccolte tra i giovani cittadini;
  8. Proposte di incontri, convegni, concerti, festival e attività di interesse culturale, artistico e ricreativo con finalità ludico e/o educativa;
  9. Promozione delle pari opportunità e di un approccio teso alla lotta contro ogni forma di discriminazione o violenza basati sul sesso, identità di genere, orientamento sessuale, disabilità, religione o etnia;
  10. Organizzazione di eventi di animazione del territorio, anche finalizzati alla raccolta fondi;
  11. Sottoscrizione di collaborazioni e accordi con soggetti privati e pubblici per la realizzazione di interventi mirati al recupero della fruibilità di beni mobili e immobili;
  12. Organizzazione di iniziative, servizi, attività culturali, ricreative, sportive, turistiche, enogastronomiche, atte a soddisfare le esigenze di conoscenza e svago dei soci e dei cittadini nel rispetto dell’ambiente e della natura, anche in collaborazione con altre associazioni, enti, aziende e cooperative.

In generale tutti i campi in cui si manifestino esperienze culturali, ricreative e formative e tutti quelli in cui ci si possa impegnare per la promozione di una cittadinanza attiva contro ogni forma di ignoranza, di intolleranza, di violenza, di censura, di ingiustizia, di discriminazione, di razzismo, di emarginazione, di solitudine ed esclusione sociale, sono settori di intervento dell’associazione.